Appalti pubblici sottoscritto a Trino un documento.

Appalti pubblici l’accordo

Lo scorso 25 gennaio è stato sottoscritto tra il Comune di Trino e le Organizzazioni Sindacali Territoriali  CGIL, CISL e UIL, un protocollo d’intesa sugli appalti pubblici. «Obiettivo delle parti firmatarie – spiegano i sindacati – dotarsi di uno strumento utile a migliorare le procedure, nonché la qualità dei servizi pubblici erogati, nel momento in cui questi vengono messi a gara».

Trasparenza e diritto d’informazione

«L’accordo sancisce inoltre principi vincolanti, a tutela della buona occupazione, dei diritti e delle garanzie delle lavoratrici e dei lavoratori – proseguono le organizzazioni – ribadendo l’importanza della trasparenza nelle procedure di gara, contrastando i fenomeni di illegalità e concorrenza sleale e salvaguardando le imprese che operano nel rispetto delle normative vigenti. Vengono così rafforzate le relazioni sindacali e il diritto d’informazione sulle modalità e linee guida per la predisposizione dei bandi di gara e sulle modalità di assegnazione dei lavori e dei servizi».

I punti salienti

Il primo è l’assunzione del criterio dell’offerta maggiormente vantaggiosa, in particolare nei servizi alla persona, ritenuto il più adeguato per la salvaguardia della qualità dei servizi erogati e per la tutela dei lavoratori. Inoltre, la previsione, nei bandi di gara, dell’utilizzo di lavoratori assunti con Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, firmato dalle OO.SS. maggiormente rappresentative, con salvaguardia dei trattamenti normativi e retributivi in atto. Al terzo punto l’utilizzo di criteri di valutazione oggettivi per l’individuazione dei partecipanti alle gare, con particolare attenzione agli aspetti qualitativi, ambientali, sociali e agli standard di sicurezza sul lavoro adeguati all’oggetto dell’appalto. Infine, l’individuazione di modalità di sostegno alle politiche attive contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro, anche attraverso l’introduzione di specifiche clausole.