Roberto Albeltaro: 50 anni di pittura. Inaugurata l’antologica del maestro vercellese.

Roberto Albeltaro: 50 anni di pittura

Una grande antologica per i cinquant’anni di attività del maestro vercellese Roberto Albeltaro. La mostra è stata inaugurata venerdì 6 aprile nei locali del padiglione “Ex 18”, che l’artista ha riempito con oltre 80 lavori.

Il sindaco di Vercelli Maura Forte ha presenziato rimarcando l’importanza dell’artista e il valore dell’esposizione, che si inserisce in un periodo di tante valide iniziative culturali.

Il valore dell’artista è stato sottolineato da Pierluigi Pensotti, critico e presidente degli “Amici dei Musei”, sodalizio organizzatore con la collaborazione dell’associazione “Futur’Arte”.

Albeltaro ha detto: “Visitando la mostra mi sembra impossibile aver dipinto così tanti quadri… ora l’obiettivo sono i 60 anni di attività… ormai l’arte è la mia vita”.

In questo video parla della sua arte.

Il percorso espositivo

L’esposizione si deve visitare partendo dal piano superiore. Qui ci sono le prime opere, realizzate sotto la guida del suo maestro, Cesare Libano. Seguono quelle degli anni successivi, quasi solo paesaggi, principalmente della campagna vercellese.

Infine, dal 2000 in poi. ha affrontato la figura e questi lavori sono nella parte inferiore del padiglione.

Leggi anche:  Esordio DucaleLab 2018 al museo Leone

Il colore, la forza di Albeltaro

La forza di questo maestro vercellese è il colore.

Albeltaro ha sviluppato negli anni una sua poetica per immagini. Dagli inizi più decisamente e classicamente impressionisti ai lavori della maturità, quando ha inserito nelle sue tele elementi “naif”, come per cercare una rinascita espressiva che puntualmente c’è stata.

Ritratti di giovani donne o nature morte su sfondi di nevicate, uccelli e altri animali e cieli sempre espressivi, una sintesi tra luci di Bretagna e chiaroscuri di risaia.

Il blu è uno dei colori preferiti del maestro. I contrasti sono spesso forti e delineano con chiarezza il contesto visivo.

Altre volte prevalgono toni più caldi e intimi.

Seguendo la lezione anche di Van Gogh, inoltre, oggi la fusione comprende anche una forte componente espressionista.
La personale di Albeltaro sarà aperta, fino al 29 aprile, tutti i giorni dalle 16,30 alle 19,30, il sabato e festivi dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 19,30. A Ingresso libero.

Da segnalare, inoltre, un ottimo catalogo realizzato con il contributo della Fondazione Crv e “Rosso smeraldo”, giochi, arte, creatività. Pregevole la presentazione di Angelo Gilardino.