Maschere Santhià saranno due giovani a vestire i panni della “Majutin dal Pampardü” e dello “Stevulin dla Plisera”.

Maschere Santhià chi saranno

Identità svelata. La giovane coppia che impersonerà le storiche delle maschere del Carnevale di Santhià edizione 2018 sono due esponenti di spicco della Banda Musicale I Giovani: “Majutin dal Pampardü” è Enrica Perinotti, 28enne impiegata amministrativa presso una ditta tessile; “Stevulin dla Plisera” è Marco Clemente, ventidue anni, tecnico informatico presso un’azienda di informatica. Fin da bambini entrambi sono appassionati del Carnevale.

La passione per la banda di Enrica

«Tutto è cominciato con la banda – racconta Enrica – I miei genitori suonavano in due bande diverse; grazie alla musica si sono incontrati e la passione per la musica e la banda che ci hanno trasmesso ha fatto sì che sia io che mio fratello ne entrassimo a far parte fin da piccolissimi. Nel febbraio 1990 sfilai, o meglio mi spinsero, avevo appena 9 mesi, come seguito della banda “I Giovani” di Santhià, e così ogni anno ho partecipato, iniziando prestissimo a suonare il sax tenore, a tutti i Carnevali successivi, e da alcuni anni sono anche Capobanda. Crescendo ho avuto modo di partecipare a tutti gli eventi tradizionali del nostro Carnevale: dalle pule ai gironi infernali, dalle bellissime emozioni dell’accensione dei fuochi della Colossale Fagiuolata ai Giochi di Gianduja. Ed ora si realizza un sogno accarezzato da sempre: essere Majutin, un sogno che diventerà realtà».

Leggi anche:  Idee di immagini: mostra a quattro mani a Studio 10

Marco, cresciuto con il Carnevale

«Non avevo ancora un anno quando i miei genitori mi portarono a vedere la prima sfilata – dice invece Marco – Con sei anni ho iniziato a partecipare alle sfilate con un gruppo mascherato e dal 2007 faccio parte della banda musicale I Giovani e sfilo con loro, suonando il tamburo rullante. Oltre alla musica sono appassionato di ciclismo e mi piace la montagna. Il sogno di tutti i carnevalanti è quello di impersonare la maschera principale, ed ora che Stevulin sarò io, quasi non mi sembra vero».