Letterature Urbane tutto il mondo in Arca.

Letterature Urbane

Fotografi di caratura internazionale, artisti vercellesi e tante “collaterali”. Questa è “Letterature Urbane 4.0”, un vero e proprio Festival promosso dall’associazione “Perché no?”.

Ideato e coordinato da Antonio Buonocore e che si avvale del sostegno di Comune di Vercelli e della Fondazione Crv con il patrocinio di Regione Piemonte, Ctv Vercelli-Biella, Anci Piemonte, “Il Ponte”. Sempre per raccogliere fondi a favore dell’Airc e dunque per la lotta al cancro.
“Letterature Urbane” è un progetto attivo già da qualche anno. Ha anche un ricco gruppo su Facebook dove giornalmente confluiscono immagini scattate letteralmente in ogni parte del mondo. L’idea è quella di raccontare le storie del tessuto urbano che viene immortalato in tutte le sue sfaccettature.
La rassegna si terrà in Arca dal 9 novembre. Inaugurazione alle ore 17,30. Si chiuderà il 3 dicembre e proporrà, sempre in San Marco, una vera girandola di appuntamenti. Sempre con grandi personalità dell’arte e della cultura di Vercelli.

L’inaugurazione della rassegna

Ma torniamo all’inaugurazione, è attesa Barbara Lupo, ricercatrice dell’istituto oncologico di Candiolo ed interverrà anche Laura Manione (direttrice dell’Archivio Baita storica e ricercatrice in ambito fotografico a livello nazionale.

Due motivi in più per non mancare alla “vernice” saranno i piccoli omaggi a cura de “L’officina dei semplici” erboristeria e bioprofumeria per le signore e un aperitivo by Ale.
In mostra 180 immagini che declinano l’arte fotografica in tutte le sue più attuali tendenze, privilegiando la “street Photography” che più di altre specializzazioni coglie l’aspetto multiforme delle città. E’ un vero e proprio “ritratto del mondo” che vive nelle città. Da non perdere.

Un assaggio del cartellone di eventi collaterali

Lo sterminato calendario degli eventi collaterali, ben 13, si apre venerdì 10 novembre ospitando il chitarrista e compositore Angelo Gilardino che converserà con il giornalista Enrico De Maria sul tema: “La chitarra dall’osteria alla Reggia”.
Nella settimana successiva, sempre alle ore 18, mercoledì 15 Luca Brusotto, conservatore del Museo Leone relazionerà sul tema “Letterature Urbane dell’800. Vercelli e i Vercellesi nei diari di Camillo Leone”.

Leggi anche:  Nicoletta Costa ospite in biblioteca

Venerdì 17 novembre appuntamento musicale con il “Lorenzo Minguzzi Duo”, con Lorenzo Minguzzi alla chitarra e Michele Anelli al contrabbasso.

Si continua sul piano musicale sabato 18 con “O Choro Carioca” (Barbara Dellavalle clarinetto e Manuela Capelli al pianoforte.
Da dire ancora che il “finissage” del 3 dicembre prevederà una vera e propria festa con il “saccheggio” finale delle opere, stampe fotografiche di grande formato, regalate dai fotografi, in cambio di un’offerta pro Airc.

Idem per chi vuole il catalogo, sia nella versione standard, che nelle dieci copie con un lavoro artistico originale.

Ci sarà pure la possibilità (mercoledì 22) di portarsi via un pezzo di un’opera “al taglio” di Carla Crosio, sempre per le stesse finalità.

Nelle foto le immagini di Alexander Nasa e Judith in den Bosch che sono state utilizzate, insieme ad altre, per i “segnalibri” originali che si potranno avere sempre in cambio di un’offerta.

Nel video Antonio Buonocore parla del progetto.