Artista formidabile espone in San Vittore.

Artista formidabile

Fino al 3 dicembre un importante artista contemporaneo, lo scultore Gabriele Garbolino Rù è protagonista di una personale nella ex chiesa di San Vittore. Titolo: «Della natura, dell’uomo». L’esposizione è promossa dall’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Vercelli diretto da Daniele De Luca e curata da Domenico Maria Papa. Il primo impatto del visitatore è quello di trovarsi di fronte un artista davvero formidabile. Uno scultore che sa ricercare nuove forme senza mai accontentarsi dell’ovvio, senza mai derogare a un magistero stilistico e tecnico invidiabile.

Due parole in più

Il valore che negli anni ha acquisito San Vittore come centro a livello regionale di Arte Contemporanea è stato testimoniato dalla presenza del sindaco Maura Forte all’inaugurazione dello scorso sabato 4 novembre, il Comune, del resto, patrocina la mostra, realizzata in collaborazione con «Phanes» e «Amici del Duomo».
L’abilità plastica di Garbolino Rù dà forma a volti che ci parlano di una condizione umana spesso dominata dal dolore e dal rapporto ambiguo con la natura. Una relazione che è spesso giocata sulla violenza, dell’uomo sull’ambiente, dei grandi fenomeni naturali sull’uomo (complice dei disastri). Qui si cercano punti di contatto, soprattutto l’umiltà di considerarci non dominatori ma parte della natura.

Leggi anche:  Nicoletta Costa ospite in biblioteca

Il pensiero del curatore

Queste sono le “risonanze” che desta una visita all’allestimento, confortate anche da quando afferma il curatore: «La figura umana è sempre sul punto di trasformarsi in altro, in una pura geometria d’uso quotidiano come accade anche nei piatti o nei canopi, oppure in una forma naturale qual è quella di un albero, in Pier delle Vigne, o infine in un lago oleoso come accade nella grande ceramica che rappresenta un nuotatore ormai quasi del tutto sommerso».
L’esposizione è aperta dal venerdì alla domenica, dalle 10 alle 12 e dalle 15,30 alle 18,30.

Altre immagini dell’allestimento: