A torso nudo, armato di una spranga metallica suonava i campanelli al concordia. Fermato dalla Polizia domenica mattina.

Nudo e armato di spranga, cercava  chi l’aveva aggredito

Semi nudo e armato di spranga metallica terrorizzava gli abitanti di un palazzo del Concordia per cercare connazionali che lo avevano aggredito la sera prima. E’ stato fermato dalla Volante della Questura di Vercelli. E’ successo domenica mattina in via Martiri del Kiwù. Gli uomini della Squadra Volante della Questura di Vercelli intervenivano nella strada dopo la segnalazione di un soggetto, di sesso maschile, che, a torso nudo ed in evidente stato di alterazione, urlava e suonava insistentemente al campanello di un condomino. Giunti sul posto gli agenti constatavano la presenza di un giovane, di circa 25 anni a torso e piedi nudi, che brandiva una sbarra metallica della lunghezza di circa un metro, con intenti apparentemente violenti. I poliziotti, identificato il giovane, lo invitavano  a gettare l’arma  e, dopo aver vinto le sue resistenze, lo conducevano  presso gli uffici della Questura. Nell’immediatezza dei fatti, gli operatori venivano a conoscenza che lo stesso stava cercando due suoi connazionali, peraltro non ancora meglio identificati, che, a suo dire, lo avevano aggredito la sera precedente. Il giovane è stato indagato in stato di libertà per porto abusivo di armi, danneggiamento, per minacce aggravate e la spranga veniva sequestrata penalmente.