Necrofori rubano dai feretri. L’indagine a Torino.

Necrofori rubano i preziosi alle salme

Quindici persone sono finite agli arresti domiciliari a Torino. La misura di custodia cautelare è stata emessa in base alle accuse di corruzione, falsificazione di atti, peculato, distruzione e soppressione e sottrazione di cadavere, ricettazione, concussione.

L’indagine

L’indagine riguarda alcuni operatori cimiteriali in servizio nel capoluogo piemontese. Secondo le indagini degli inquirenti, alcuni operatori si sarebbero impossessati dei preziosi lasciati nei feretri. Inoltre, avrebbero percepito indennità che non spettavano loro e avrebbero ricevuto denaro da privati per lo svolgimento delle attività. Infine, ci sarebbero state false attestazioni riguardo le operazioni di esumazione ed eventuale spostamento delle salme.