Morto Gammastamp. Cgil proclama scioperi sui tre turni di martedì 5 e mercoledì 6 dicembre.

Morto Gammastamp. La rabbia di Fiom Cgil

Non si può morire per il lavoro. Monta la rabbia dei sindacati dopo l’incidente mortale di lunedì 4 dicembre occorso a Naim Macak alla Gammastamp  di Bianzé. “Ci parlano di industria 4.0 e di imprese sempre più innovative, veloci e pronte a rispondere alle continue sollecitazioni del mercato. Qualcosa però all’interno delle aziende continua a non cambiare: si continua a morire”. Queste le parole della Fiom Cgil che ha proclamato un’ora di sciopero su ciascuno dei tre turni di martedì. I lavoratori di Gammastamp si fermeranno alle 13, alle 14 di martedì e alle 5 di mercoledì mattina.

Martedì 5 dicembre il presidio davanti all’azienda

Dalle 13 alle 15 di martedì 5 si terrà il presidio di protesta davanti alla Gammastamp a sostegno delle famiglie dei morti sul lavoro e in omaggio a Naim Macak. “Per ricordare e non dimenticare mai”