Sequestrati beni per un valore di 8 milioni di euro

 

La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto un imponente giro di fatture false per un valore complessivo di circa 30 milioni di euro. Due persone, un 45enne e un 48enne, sono state arrestate nelle prime ore della mattinata con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale e alla commissione di reati tributari. L’inchiesta, che era iniziata nel 2012, ha portato alla scoperta di 6 società che fungevano da “scatole cinesi” e al sequestro di 28 immobili, 44 automezzi e svariate quote societarie per un valore complessivo di 8 milioni di euro. Le indagini erano partite da un semplice controllo fiscale nei confronti di un’azienda di trasporti alla quale erano collegate numerose imprese intestate a persone nullatenenti. Proprio a queste ultime venivano commissionati i trasporti, realizzati con personale e mezzi che solo formalmente risultavano in carico ai subvettori ma nella disponibilità della società “madre”.