Barbari in azione alla Elimax di via Schilke chiusa da poco. In frantumi vetri, pareti in cartongesso e tubazioni. E qualcuno ha pure appiccato fuoco…

Barbari in azione alla Elimax di via Schilke chiusa da poco. In frantumi vetri, pareti in cartongesso e tubazioni. E qualcuno ha pure appiccato fuoco
 
Si sono aperti due passaggi nel (sottile) muro di cinta di via Ugo Schilke, nel cuore della vecchia Area Montefibre. Quindi hanno sfondati i vetri della porta di ingresso e poi, una volta dentro, hanno letteralmente devastato tutto quello che c’era della vecchia Elimax srl, maglieria i cui contatti si trovano ancora facilmente su internet (cè pure un numero di telefono). L’apertura, un pertugio aperto a colpi di piccone in una cabina chiusa con portelli di ferro, dà accesso a un viavai pazzesco di gente: all’interno dell’area chiusa abbondano infatti discariche e pure un cumulo enorme di ferrovecchio pronto a essere portato via dai predoni di turno. Un autentico inferno urbano a pochi minuti dal centro, La polizia Municipale intervenga, almeno a chiudere murandoli i due passaggi. Ne va della dignità di chi in quella zona lavora.
Sul numero di Notizia Oggi Vercelli di lunedì 4 aprile ampio reportage fotografico dello scempio nella fabbrica, discariche pazzesche e altri rischi presenti in parte della ex Montefibre.