Esplosione Camogli: vercellese gravissimo. Pesanti ustioni, sarebbe un tentativo di suicidio con il gas.

Nella foto (dall’archivio Nuovo Levante) il luogo del dramma.

Esplosione Camogli: vercellese gravissimo

E’ in gravissime condizioni al Centro Grandi Ustionati di Genova Sampierdarena e rischia la vita un vercellese. L’uomo ieri mattina intorno alle ore 8 si trovava dentro la propria auto nel Levante Ligure, tra Ruta e San Rocco a Camogli, aveva con sé una bombola di gas gpl, che aveva aperto, saturando l’abitacolo di gas. Poi si è verificata l’esplosione con una grande vampata che si è subito estinta. Secondo gli esperti sarebbe proprio stata l’esplosione dei finestrini a salvarlo. I soccorsi sono intervenuti unitamente ai Vigili del Fuoco di Rapallo e i carabinieri di Camogli e Santa Margherita Ligure.

Quindi la corsa del ferito in codice rosso prima al San Martino di Genova e poi al centro grandi ustionati di Villa Scassi a Sampierdarena. I dettagli sulla vicenda sono ancora in corso di chiarimento.

Leggi anche:  Cocaina nel pupazzo di Winnie The Pooh

Pare che sul posto sia stato trovato anche il testamento dell’uomo che avrebbe lasciato scritto di aver scelto quel luogo perché legato al paese.

Aggiornamento: si apprende che le condizioni dell’ustionato sono stabili, avrebbe ustioni sotto al 15% quindi una situazione meno grave di quanto si riteneva in un primo momento. Il paziente è comunque tenuto in coma farmacologico e i sanitari stanno applicando i protocolli previsti per questo tipo di ferite che sono sempre complicate da curare.