Cauto ottimismo per Chiara Michelone di Rive dopo il terribile schianto ad Asigliano.

Cauto ottimismo ma resta grave

Sono stazionarie e ancora gravi le condizioni di Chiara Michelone, la 21enne di Rive Vercellese rimasta ferita nell’incidente stradale avvenuto nel primo pomeriggio di lunedì scorso 6 novembre ad Asigliano. La giovane è ricoverata all’ospedale Maggiore di Novara, è sempre in coma farmacologico ma i medici fanno trapelare un cauto ottimismo.

Fondamentali le prossime 48 ore

Più trascorrono i giorni e maggiori sono le probabilità che la situazioni si stabilizzi, questo è quanto viene riportato da Novara. Nelle prime ore i medici avevano escluso categoricamente l’intervento chirurgico per ridurre l’ematoma cerebrale per timore di causare un’embolia. Ora, invece, la situazione è leggermente migliorata, tanto che non si esclude di poter interventire. Saranno fondamentali le prossime 48 ore.

I messaggi degli amici

Nel frattempo sono innumerevoli gli attestati di affetto e di vicinanza degli amici di Rive Vercellese, il paese dove Chiara vive, e di Vercelli. Tutti si sono stretti alla ragazza e alla sua famiglia in questo terribile momento, consapevoli che queste testimonianze d’amore possono risultare importanti per la risoluzione del dramma che Chiara sta vivendo in queste ore.

Leggi anche:  Vercellese travolge ciclista vicino a Pavia

IL POST PRECEDENTE SULL’ARGOMENTO