Bancarotta milionaria vercellese condannato

Bancarotta milionaria, un vercellese tra i condannati

C’è anche un vercellese, S.C., condannato per il fallimento della Naval Provveditoria Srl, una società addetta alle forniture di bordo delle navi. All’epoca dei fatti era il legale rappresentante di una società di Vercelli specializzata in consulenza e installazione sistemi hardware. La sentenza è stata pronunciata dal Tribunale di Savona nei giorni scorsi.Con il vercellese, condannato a 3 anni oltre a un’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici e una inabilitazione ad esercitare in impresa per 10 anni, è stato ritenuto colpevole anche il direttore tecnico della società fallita, G.S.. Per lui una condanna, invece, a 2 anni e 4 mesi. Per entrambi l’accusa era quella di bancarotta fraudolenta per distrazione.

Fatture false per 500 mila euro

Una vicenda nata nel 2014, quando il Nucleo di polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Savona aveva eseguito due arresti, ai domiciliari. Uno riguardava proprio il vercellese. Secondo le indagini svolte dalle Fiamme Gialle la Naval Provveditoria Srl si sarebbe trovata in stato di insolvenza già nel 2008. Da quel momento e fino al 17 giugno 2011, data in cui è stato dichiarato il fallimento dell’azienda, i due avrebbero messo in atto numerose irregolarità, falsificando le scritture contabili per riuscire a continuare ad ottenere crediti dagli istituti bancari. Avrebbero emesso fatture irregolari, verso clienti stranieri, per una somma vicina agli 500 mila euro.