Alberi tagliati è polemica

Alberi tagliati, a Santhià è polemica

Il “caso” degli alberi ha scosso Santhià. Sabato 18 novembre si è tenuta un’assemblea pubblica nella sala consigliare del Municipio sul Progetto di Riqualificazione e messa in sicurezza del parco Jacopo Durandi, per la precisione sulla sorte che toccherà agli alberi del viale lato corso Sant’Ignazio. Molte le voci e le polemiche: “tolgono tutti gli alberi, si potrebbero curare, non ci sarà più ombra, sono alberi quasi centenari”.

Cosa dice il Sindaco Angelo Cappuccio

Abbiamo interpellato Angelo Cappuccio, sindaco della città, per chiarire la situazione. “Gli alberi nella situazione attuale sono pericolosi. C’è una certificazione fatta da Luca Fantini, arboricoltore certificato e qualificato. Il risultato dice che quegli alberi sono pericolosi. Dovesse esserci un evento atmosferico di una certa importanza, alcuni potrebbero cadere e arrecare grave danno a persone o cose. La relazione tecnica è a disposizione di tutti i cittadini e può essere consultata presso l’Ufficio tecnico del Comune di Santhià, oppure sul sito web del Comune”.

Leggi anche:  Trinese truffata per acquisto on line

Le piante verranno sostituite

“Le piante tagliate saranno 28 e ne verranno messe a dimora subito 23, non per risparmiare ma per tenere la giusta distanza tra un albero e l’altro per la loro migliore esistenza. In attesa delle zone di ombra, per la prossima primavera – prosegue Angelo Cappuccio – provvederemo ad individuare nuove aree attrezzate sul lato piazza Aldo Moro. Inoltre c’è intenzione di inserire nel parco, probabilmente nella zona della rotonda, un tabellone elettronico informativo per tenere aggiornati i cittadini sulle attività e iniziative della città. Tutta l’area diventerà quindi più piacevole e sicura da frequentare”.