Come preparare la casa per l’inverno. Per definizione l’estate dovrebbe durare ancora qualche giorno, ma termometro alla mano l’abbiamo già salutata. Le giornate grigie e qualche picco al ribasso delle temperature ci sta già predisponendo all’autunno, anticamera dell’inverno: insomma, il momento dell’accensione del riscaldamento non è poi così lontano, anzi pare proprio dietro l’angolo. Di conseguenza è bene arrivarci preparati, predisponendo la propria casa per affrontare nel modo migliore la stagione invernale. I benefici saranno due in primis, ossia una minore dispersione del calore e un conseguente risparmio di denaro sulla bolletta energetica. Ecco dunque come preparare la casa per l’inverno. Come prima cosa attenzione a porte e finestre: eliminate gli spifferi con un po’ di isolante (all’interno), mentre per l’esterno optate per un sigillante impermeabile.

Gli interventi necessari

Concentriamoci poi sull’impianto di riscaldamento ad aria calda, per chi ne possiede uno: questo va pulito e sarebbe opportuno anche sostituire il filtro dell’aria. Avete una stufa a legno? No problem, allora potrebbe essere una buona idea chiamare un tecnico, così che possa pulirla e controllare che sia tutto in ordine. Se invece possedete la tradizionale caldaia ricordatevi che una volta serve l’intervento di un professionista per la normale manutenzione e per il controllo.

Leggi anche:  Conto Termico 2.0 come funziona?

Non solo doppi vetri

Diciamo che nella maggior parte delle case i suggerimenti appena descritti possono davvero far comodo. Poi c’è invece chi probabilmente deve intervenire con un po’ di presenza: parliamo di chi non ha ancora le finestre con doppio vetro (utili anche contro l’inquinamento acustico), di chi deve dare necessariamente una rinnovata agli infissi (e in quel caso è bene pensare anche ai metodi anti-effrazione) e di chi sta pensando di cambiare il motore del proprio riscaldamento (installazione di camino, di una stufa e pellet, ecc.).

Come preparare la casa per l’inverno

Un altro consiglio da non sottovalutare è quello di pulire le grondaie (meglio se fatto dopo l’autunno, ossia dopo la caduta delle foglie dagli alberi) per evitare accumuli fastidiosi. E poi si potrebbe proseguire all’infinito, pensando per esempio agli spazza porta utili per evitare l’entrata dell’aria fredda da sotto l’ingresso principale e via dicendo. Insomma, è bene sedersi un attimo a riflettere, fare mente locale ed iniziare a mettersi in moto.