Mini lavatrice, quale scegliere? Sempre più al giorno d’oggi le metrature della casa hanno il loro peso nella scelta dei vari componenti d’arredo. Anche perché le case «piccole» risultano più facilmente acquistabili e dunque si registra una maggior richiesta di alloggi sotto i tre locali. Come coniugare però le esigenze del poco spazio a disposizione con la necessità di dotarsi di ogni comfort?

Quale mini lavatrice?

L’esempio dei grandi elettrodomestici è calzante: frigo e lavatrice non possono ovviamente mancare in una moderna abitazione. Per chi non ha tanto spazio a disposizione esistono lavatrici piccole (con una delle tre dimensioni molto ridotta). Queste non comportano alcuna rinuncia in fatto di capienza, programmi e funzionalità. Quelle con il portello che si apre dall’alto per esempio sono un’ottima soluzione, poiché non necessitano dello spazio frontale per l’apertura e sono più strette, con larghezza in genere sui 45 cm.

Le dimensioni contano

Esistono anche modelli con oblò frontale di soli 50 cm (o anche meno) che non sono assolutamente penalizzati nella capienza, perché possono contenere carichi di 6-8 kg. Per chi poi proprio avesse a disposizione pochissimo spazio ci sono poi le «mini-lavatrici»: l’altezza non supera i 70 cm e hanno capacità di circa 3,5 kg. Tutti questi modelli di dimensioni ridotte possono lavare anche capi delicati e sono in classe A.