Sindacalista licenziato: nuova manifestazione. Sabato la Cgil organizza un corteo di protesta a Vercelli con raggruppamento finale il piazza Cavour.

Sindacalista licenziato: nuova manifestazione

La Cgil continuerà a fare pressioni su Sacal finché non reintegrerà Alex Villarboito, licenziato perché, come rappresentante sindacale aveva denunciato situazioni precarie di lavoro. Martedì 8 maggio c’è stato lo sciopero con picchetto davanti alla fonderia di Carisio a cui si riferiscono le foto. Sabato 12 maggio ci sarà una nuova manifestazione, questa volta a Vercelli.

La Cgil non starà zitta

Sulla sicurezza, la Cgil non starà mai zitta. Sarà questo il messaggio della prima manifestazione di piazza, organizzata dalla Cgil Vercelli Valsesia per sabato 12 maggio 2018. Una mobilitazione per sensibilizzare tutta la cittadinanza sul licenziamento del sindacalista Fiom Cgil – e Rappresentante del Lavoratori per la Sicurezza – Alex Villarboito.

La mobilitazione il 12 maggio

Dopo il primo sciopero con presidio davanti ai cancelli della Sacal, avvenuto oggi e che ha visto la partecipazione di oltre 400 lavoratori da tutto il Piemonte, la manifestazione “Lavorare sicuri!” organizzata per sabato 12 maggio 2018, porterà in piazza il tema della Sicurezza sui luoghi di lavoro, oggetto di molta attenzione da parte delle Istituzioni e dei Sindacati tutti, ma non si può dire lo stesso per alcuni datori di lavoro.

Leggi anche:  Basta code al Cup: numero Asl per le esenzioni

Il programma prevede il ritrovo dei partecipanti, alle ore 10, a Vercelli, in Corso Libertà angolo Via Dante (all’inizio dell’isola pedonale) poi il corteo proseguirà per le vie del centro e si concluderà davanti al Palazzo della Prefettura, in Via San Cristoforo.

Questa è solo una prima manifestazione, aperta a tutta la cittadinanza, in cui la Cgil ribadirà con forza che «sulla sicurezza, non starà mai zitta!» e che il sindacalista licenziato deve essere immediatamente reintegrato.

Il riepilogo

Sindacalista licenziato perché chiedeva più sicurezza

Sindacalista licenziato: un attacco alla Cgil

Sindacalista licenziato un’interrogazione al Governo

Sindacalista licenziato una petizione per il reintegro