Rinascita parco Itaca si mobilita a Santhià.

Rinascita parco alla faccia dei vandali

Dopo che vandali beceri hanno devastato gravemente  il parco del TAG in via Monte Bianco a Santhià l’associazione “Itaca” chiama la cittadinanza a mobilitarsi per ripristinare gli arredi dati alle fiamme. L’appuntamento è già per sabato 11 novembre.

La lettera di Itaca

“Il parco – ricordano dall’associazione – è stato realizzato dal Gruppo Partecipazione Giovani del Comune, nell’ambito dei suoi progetti di educazione alla cittadinanza. Venne inaugurato questa primavera alla presenza di don Luigi Ciotti. Nel 2015 i componenti del gruppo, hanno coinvolto i coetanei nella creazione dello Spazio giovani “TAG – Tutto Ai Giovani” nei locali sopra la bocciofila. L’anno successivo, si sono dati da fare per progettare e reperire le risorse per sistemare lo spazio esterno adiacente al Centro di aggregazione giovanile.

Per mesi si sono organizzati per recuperare uno spazio degradato e inutilizzato, fino a costruire con materiale di recupero gli arredi per abbellire il parco.

Sono stati realizzati i murales, le postazioni per le griglie e le panche. Ora tutto il loro sforzo è letteralmente andato in fumo!

Leggi anche:  Immondizia abbandonata a Caresanablot

Molti, appresa la notizia, hanno dimostrato solidarietà e vicinanza ai ragazzi del GPG. Proprio per questo, si è deciso di chiamare a raccolta tutta la cittadinanza di Santhià, giovani e non, singoli e associazioni, per risistemare il parco e lanciare un chiaro segnale.

L’appuntamento è per sabato 11 novembre dalle 10 alle 12 al parco. Vorremmo che questo triste fatto si trasformasse in un forte messaggio di partecipazione, per tramutare la rabbia in un’azione positiva che possa far capire che il bene comune non si tocca e che quando questo avviene tutta una comunità si mobilita perché tutti ne sono danneggiati. Per chi si vuole unire al Gruppo Partecipazione Giovani in questa azione, può portare scope, pale, martelli, chiodi, vernici, pennelli, piante e qualsiasi cosa si voglia donare per far tornare il parco più bello di prima! Lo dobbiamo anche a Rita Atria, giovane vittima di mafia a cui il parco è intitolato, la cui memoria ha già subito tante devastazioni. Questo ci darà ancora una motivazione in più”.