Ricorso Tar Valledora: Un verificatore valuterà sull’autorizzazione alla nuova discarica.

Ricorso Tar Valledora: prima vittoria per i Comuni

A Cavaglià, in provincia di Biella, ma a poche decine di metri dalla nostra e in piena martoriata Valledora, era stato chiesto un ampliamento della discarica gestita da ASRAB e A2A Ambiente. I comuni di Tronzano Vercellese, Santhià e Cavaglià avevano presentato ricorso al Tar del Piemonte, che aveva già ordinato la sospensione dell’iter, ora dal Tribunale Amministrativo arriva un’ordinanza propedeutica alla sentenza definitiva. E’ stato già nominato un perito molto qualificato, nella persona del direttore Arpa Lombardia, di un super esperto che dovrà dire se ci sono o meno gli estremi per annullare l’autorizzazione concessa dalla provincia di Biella.

La soddisfazione dei Comuni

I Comuni di Tronzano Vercellese, Santhià e Cavaglià annunciano con soddisfazione l’ordinanza n. 485  pubblicata giovedì 26 aprile. Il ricorso in questione era stato presentato dalle  amministrazioni, per il tramite degli Avvocati Michele Greco e Marco Briccarello. Ricorso contro il progetto di ampliamento delle discariche in loc. Gerbido proposto da ASRAB e A2A Ambiente. L’ordinanza di oggi “in ragione dell’alto profilo scientifico delle questioni sottese”, ha disposto la nomina di un “verificatore” esperto in materia..

Un importante risultato

“Trattasi dell’ennesimo importante risultato ottenuto dal ricorso depositato dalle amministrazioni; dopo aver accolto la richiesta di sospensiva cautelare dell’autorizzazione all’ampliamento delle discariche rilasciata dalla Provincia di Biella, il Giudice amministrativo torinese ha deciso infatti di nominare – come richiesto dai Comuni – un esperto che faccia luce sulle molteplici criticità di carattere ambientale denunciate nei ricorsi, criticità che la Provincia di Biella aveva ignorato autorizzando l’ampliamento della discarica”.

Leggi anche:  Centro Estivo Comunale: da lunedì 21 al via le iscrizioni

Valledora off-limits per discariche

Nel loro comunicato i tre comuni ricordano che l’ordinanza giunge ad appena tre mesi dall’approvazione, da parte della Giunta Regionale, della disciplina di dettaglio sulle aree di ricarica degli acquiferi profondi.

Per effetto della quale è stata prevista l’impossibilità di procedere alla realizzazione di nuove discariche e/o ampliamenti nell’area della Valledora, proprio in ragione delle criticità che dette attività sono in grado di determinare sulle aree di ricarica.

“Le amministrazioni comunali sono certe che, al termine degli approfondimenti tecnici, il TAR non potrà che annullare tutti gli atti impugnati, mettendo una volta per tutte la parola fine ad ogni progetto di ampliamento delle discariche, progetto che – fino al predetto pronunciamento – rimane comunque sospeso”.