Pasta contaminata: “Valdigrano non c’entra”. La pasta trovata con i parassiti era uscita da 10 mesi dall’azienda.

Pasta contaminata: “Valdigrano non c’entra”

Riceviamo e pubblichiamo

“A seguito di quanto riportato in data odierna (giovedì 8 febbraio ndr) da vari media in relazione al richiamo di un lotto di produzione, la società Valdigrano di Flavio Pagani srI. informa, per completezza e correttezza di informazione, che il richiamo del prodotto pipe rigate VALBIO in confezione da 3kg, con lotto 171295089, è stato eseguito a titolo esclusivamente cautelativo, seguendo le procedure standard
richieste dalla normativa in materia.
Pertanto, in merito a quanto accaduto la Valdigrano si ritiene estranea al fatto poiché l’unica confezione contestata sull’intero lotto di produzione ha lasciato lo stabilimento di Valdigrano 10 mesi fa. Quindi, gli elementi in nostro possesso ci permettono di affermare che le cause della contaminazione siano avvenute solo successivamente all’uscita del prodotto dallo stabilimento Valdigrano.
A questo riguardo sottolineiamo che Valdigrano di Flavio Pagani s.r.l. è un’azienda certificata da oltre
18 anni secondo i più importanti standard qualitativi internazionali nel settore alimentare quali IFS e
BRC”.

Leggi anche:  Bambini in piazza per Carnevale

Flavio Pagani

Nota: Ringraziamo l’azienda per la precisazione inviata. Riguardo il capitolo dei vari “allerta” che compaiono sui siti Istituzionali italiani ed europei, non si tratta di criminalizzare certamente i produttori, solo di avvisare il consumatore. Nel complesso questa “pressione” sulle aziende è però positiva perché alla lunga dà ragione ai produttori seri come Valdigrano. Ogni processo produttivo non è indenne da errori o imperfezioni, l’importante è tenere informato il pubblico e segnalare.