Il Comando Provinciale delle fiamme gialle ha preso parte alla mega esercitazione nei pressi di Alagna, usati mezzi tecnologici che hanno permesso una veloce identificazione dell’obiettivo sommerso dalla neve.

Anche il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vercelli ha preso parte alla maxi esercitazione che ha coinvolto gli uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Riva Valdobbia e le unità cinofile del Piemonte e della Valle d’Aosta.
Lo scenario d’intervento, costituito da un’imponente valanga situata poco sotto l’uscita del canale denominato “Giacchetti” nella valle dell’Olen, comune di Alagna Valsesia, nascondeva al suo interno 6 travolti. L’esercitazione ha visto partecipare ben 12 unità cinofile da soccorso provenienti da tutte le Stazioni del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza del Piemonte e da quella valdostana di Cervinia, oltre che al personale della Stazione S.A.G.F. di Riva Valdobbia, reparto ospitante, e alla componente aerea della Sezione Aerea di Venegono (VA), intervenuta con un elicottero del Corpo NH 500. Il perfetto connubio, tra la componente aerea, i tecnici di elisoccorso e le unità cinofile intervenute, ha fornito risultati particolarmente soddisfacenti nelle operazioni di ricerca, permettendo di localizzare l’obiettivo in tempi piuttosto brevi anche grazie ai dispositivi “ARTVA” e “RECCO”, sistemi elettronici che servono per ritrovare tempestivamente persone sepolte nella neve in seguito a una valanga.
L’elevata professionalità e preparazione tecnica messa in campo dai militari del Corpo della Guardia di Finanza è assicurata grazie alle frequenti esercitazioni che li coinvolgono in ogni scenario, garantendo sempre una pronta operatività per fronteggiare qualsiasi avversità che l’impervio ambiente montano dovesse prospettare.