Insulti razzisti la Cri rinnova la vicinanza al suo socio.

Insulti razzisti la denuncia

«Come riportato recentemente da più testate giornalistiche – rende noto il Comitato Cri di Vercelli – un nostro socio ha presentato nei giorni scorsi una denuncia per ingiurie che gli sarebbero state rivolte durante un servizio di trasporto effettuato nella notte tra il 19 e il 20 dicembre sotto l’egida del dipartimento territoriale di emergenza/urgenza 118».

“Vicinanza e solidarietà”

«È per noi doveroso, innanzitutto, testimoniare tutta la vicinanza e solidarietà al nostro socio, del quale confermiamo la professionalità e l’umanità – proseguono – Intendiamo condannare ogni comportamento che rechi offesa inerente etnie, religioni, convinzioni politiche e connotazioni personali, come sancito dalle più basilari regole di convivenza civile, nonché dagli stessi principi che sono alla base del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa».

“La Croce Rossa rimane neutrale”

«Croce Rossa Italiana è un’Istituzione indipendente dai pubblici poteri, che opera nel rispetto più totale dell’individuo in quanto tale. Per questo motivo è nostra intenzione dichiarare la nostra assoluta neutralità e dichiararci estranei a qualsiasi azione atta alla strumentalizzazione politica sul partito di appartenenza del querelato e sulla carica che quest’ultimo rappresenti» concludono dal sodalizio.

Leggi anche:  Festa della Polizia a Vercelli: il discorso del Questore

Gli articoli correlati

Insulti razzisti contro operatore Cri bufera sulla Lega

Insulti razzisti Le scuse di Borzoni

Insulti razzisti il Pd la butta in politica

Insulti razzisti la posizione di Cambia Vercelli