Giornata della Memoria: il programma. Appuntamento al teatro Civico e chiusura in Sinagoga.

Giornata della Memoria: il programma

Domani, giovedì 25 gennaio, al teatro Civico, ci sarà il programma ufficiale per la “Giornata della Memoria”. Protagonisti gli studenti delle Superiori, illustri relatori e, alla fine, consegna di onorificenze da parte della Prefettura di Vercelli che è capofila della giornata. Poi ci sposterà alla Sinagoga per rendere omaggio agli ebrei vercellesi morti nei campi di sterminio nazisti.

Ecco quanto pubblicato lunedì 22 sul giornale.

La presentazione della mattinata

“La nostra democrazia non è qualcosa di scontato, è un bene che va difeso continuamente. Per questo ci rivolgiamo in modo particolare agli studenti e ai giovani”.

Questo è il concetto espresso dal Prefetto Michele Tortora e dal Sindaco di Vercelli Maura Forte nel presentare la «Giornata della Memoria» che sarà celebrata giovedì 25 gennaio, per dare ai ragazzi delle scuole la possibilità di essere protagonisti. Le istituzioni che promuovono le iniziative sono la Prefettura, Il Miur di Vercelli, insieme alla Consulta Provinciale degli Studenti, Comune e Provincia. Poi ci sono due altre realtà la Comunità Ebraica e L’Istituto per la Storia della Resistenza che sono sempre in prima linea contro i rigurgiti fascisti e antisemiti che abbondano anche in questo momento storico.

Due momenti di alto valore

La giornata vivrà due momenti, il più corposo sarà al teatro Civico, l’altro alla sinagoga di Vercelli dove i ragazzi e le autorità andranno a deporre una corona sotto la lapide degli ebrei vercellesi morti nei campi nazisti.
L’inizio alle ore 9,45 con la proiezione di un video realizzato dagli studenti della Consulta.

Seguiranno l’intervento del professor Alberto Lovatto: “I deportati della provincia di Vercelli”, seguirà la relazione di Stefano Gatti dell’Osservatorio Antisemitismo della Fondazione CDEC – Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea, che parlerà di Antisemitismo e social.

Le onorificenze

Al termine i discorsi delle autorità, la consegna della Medaglia d’onore alla famiglia di un deportato nei lager militari, in quanto insieme alla memoria della Snoah si celebra anche la “Giornata del ricorso” dei 600.000 deportati italiani, principalmente soldati. Infine la consegna di quatto Onorificenze al Merito della Repubblica. Al termine dell’evento in teatro, aperto a tutti ma pensato principalmente per gli studenti delle Superiori, si raggiungerà in corteo la Sinagoga per l’ultimo atto della giornata.

L’olocausto è sempre dietro l’angolo

Alla presentazione del programma Angela Pozzati, per conto della Consulta, ha anticipato parte del video che aprirà la giornata. Un prodotto di 7-8 minuti. «I ragazzi non si sono concentrati tanto sulle immagini classiche dei cumuli di cadaveri ma hanno voluto lavorare sul concetto che il campo di sterminio è sempre dietro l’angolo e che tutta la cultura del rifiuto dell’altro, con cittadini di serie A e di serie B, può portare in tale direzione. A colpirli sono state le interviste a persone che ricordavano l’effetto devastante delle Leggi Razziali del 1938 in Italia. A tutti è rimasta impressa la storia di una ragazza, espulsa da scuola, che si era trovata un lavoro da sarta, ma andava a lavorare lo stesso con i libri sottobraccio».

Leggi anche:  Ospedale nella bufera: le scuse dell'Asl

Le parole di Primo Levi

E Pietro Lucia ha ricordato, a proposito della “banalità del male” una dichiarazione di Primo Levi sui come fu possibile tutto ciò, ascoltata di persona: “Non ce ne siamo accorti”. Da un giorno all’altro tutto cambiò. Cosa che può sempre ripetersi.

I laboratori per le scuole Primarie

Ci sarà anche spazio per gli alunni più giovani, dalla terza alla quinta della scuola Primaria. Avverrà attraverso una serie di laboratori incentrati sulla lettura del libro «La città della stella» di Sebastiano Ruiz Mignone che ritorna sul famoso spettacolo “Brundibar” allestito dai bambini del campo di Terezin, una feroce satira del nazismo mascherata da fiaba.
I laboratori già fissati sono mercoledì 24 gennaio presso la Primaria Bertinetti, il 29 gennaio altro laboratorio presso la Bertinetti e il 31 gennaio due laboratori alla Biblioteca Ragazzi di via Galileo Ferraris con bimbi della “De Amicis! e delle “Scuole Cristiane”. Altri potrebbero esserci, per informazioni rivolgersi all’ufficio Scuola del Comune.

Altre date della Comunità Ebraica

Venerdì 26 gennaio sarà Biella a ricordare la Shoah con l’apposizione della lapide commemorativa dedicata alle vittime biellesi, in prossimità della Sinagoga del Piazzo di Vicolo del Bellone. La lapide, posta dal Comune di Biella sarà scoperta alle ore 10,30 alla presenza del Prefetto, del Sindaco e degli studenti delle scuole cittadine.
In occasione del Giorno della Memoria sarà inoltre aperta per le visite guidate la Sinagoga di Vercelli, domenica 29 gennaio, dalle ore 15 alle ore 18.
Per informazioni sulle attività della Comunità Ebraica di Vercelli potete scrivere a segreteria.comunitaebraicavc@gmail.com, chiamare il 3392579283 oppure seguire la pagina Facebook Comunità Ebraica Vercelli.