Niente Fusione per ora: che lezione dal Comune di Sali alla giunta vercellese. “Non faremo un salto nel buio”. Se ne riparla nel 2019 quando a Vercelli ci sarà un’altra amministrazione.

Fusione stop. La lezione del Comune di Sali

Poteva essere un’opportunità ma alla fine la melassa appiccicosa del consiglio comunale di Vercelli ha guastato tutto. Come al solito. E allora il progetto di una fusione tra il Comune di Vercelli e quello di Sali salta almeno fino all’anno prossimo. Dal piccolo paese arriva una strepitosa lezione di stile alla sconclusionata politica del capoluogo. “Non se ne fa nulla: non ci sono i presupposti. A Vercelli manca una linea precisa…”. Un due di picche con tanto di schiaffone. Se ne riparlerà (forse) tra un anno quando l’attuale giunta sarà solo un ricordo.

La lettera

Questa la lettera agli organi di informazione del Consiglio Comunale di Sali.

Apprendiamo dagli organi di stampa che la proposta di incorporazione del nostro comune con il capoluogo ha suscitato forti dubbi e polemiche sia nella minoranza che nella maggioranza all’interno del consiglio comunale della Città di Vercelli. Questa questione per la nostra comunità rappresenta una svolta epocale. L’abbiamo sviscerata all’interno del consiglio per mesi dopo la proposta da parte del Comune di Vercelli, facendo altresì partecipe la cittadinanza tutta con quattro assemblee generali. Purtroppo il percorso intrapreso non può essere portato a termine nella situazione attuale, mancando dalla controparte una precisa, concorde ed unanime linea di pensiero.

Leggi anche:  Ospedale Vercelli: ricorso per il Concorso di Anestesia

Evidentemente i tempi per ora non sono maturi.

Noi amministratori non intendiamo fare un salto nel buio. Continueremo con i nostri pochi mezzi a fornire tutti i servizi possibili ai nostri concittadini come sempre abbiamo fatto, con volontariato e sacrifici.