Chiusa Radiologia a Santhià e Gattinara. Mancano i medici. L’Asl si impegna a riaprirle al più presto possibile grazie a una riorganizzazione.

Chiusa Radiologia a Santhià e Gattinara

L’Asl VC comunica che i reparti di Radiologia presenti a Santhià e Gattinara sospendono le attività per carenza di personale, dopo l’abbandono di 4 medici dell’Asl che hanno chiesto il trasferimento a Novara, Sarà temporaneo, rassicurano.

La nota dell’Asl

Trasformare la criticità registrata in questi giorni, a causa della carenza di specialisti radiologi, in un’opportunità. È questo l’obiettivo che l’Asl di Vercelli punta a realizzare creando un sistema più snello e più organizzato per offrire la possibilità ai pazienti di accedere in modo diretto sulle sedi di Santhià e Gattinara ed eseguire prestazioni di radiologia tradizionale.

A causa della carenza di specialisti radiologi – un problema noto e pressante su tutto il territorio nazionale – l’Asl di Vercelli ha sospeso provvisoriamente le attività di radiologia nelle sedi di Santhià e Gattinara.

Ci salverà il digitale…

È stato già costituito un gruppo di lavoro che redigerà un protocollo specifico, per sfruttare al meglio le tecnologie digitali di cui l’azienda dispone e ottimizzare le risorse di personale presenti.

Leggi anche:  Protezione Civile vercellese all'esercitazione antialluvione

Azioni, quelle previste, che permetteranno di garantire l’offerta di prestazioni su entrambe le sedi.

Entro poche settimane è prevista la riapertura con le nuove modalità di servizio.

Tutti gli utenti che avevano già una prenotazione a Santhià e Gattinara per effettuare una prestazione di radiologia tradizionale (rx) sono stati avvisati e l’appuntamento è stato riprogrammato in tempi brevi sulle agende di Vercelli e Borgosesia.

Le alternative

L’ASL di Vercelli si scusa con gli utenti per i momentanei disagi determinati da tale situazione e ricordiamo che, oltre ai presidi ospedalieri dell’Asl VC, i cittadini possono sempre prenotare le prestazioni tramite numero verde anche nelle sedi accreditate:  Casa di Cura “S. Rita” di Vercelli e “Silenziosi Operai della Croce” di Moncrivello.