Importante protocollo d’intesa fra Parco e Prefettura di Vercelli. In questo modo i profughi ospitati ad Albano Vercellese potranno rendersi utili, un modello da imitare.

Grazie all’interessamento del Comune di Albano Vercellese i richiedenti asilo ospitati nella sede del Parco delle Lame del Sesia potranno svolgere, come volontari, lavori di utilità sociale. Lo stabilisce un Protocollo d’intesa firmato dal Prefetto di Vercelli, Maria Rosa Trio e da Benedetto Franchina, direttore dell’Ente Gestione delle Aree Protette del Ticino e Lago Maggiore, di cui il parco vercellese fa parte. Presente il Sindaco di Albano Massimiliano Zarattini. L’attività di volontariato permetterà ai profughi di “conoscere il contesto sociale in cui sono accolti, anche attraverso attività e servizi di volontariato a favore della collettività ospitante”. Il progetto si intitola “Parco Solidale”, toccherà ora al Parco Stesso e alle realtà locali, in sintonia con le istituzioni, individuare specifici servizi/percorsi.

E’ un modello da imitare anche in altre realtà, magari anche a Vercelli, dove i servizi che possono svolgere non mancano… dal taglio delle erbacce alla pulizia della città.